MILITARI FORUM

66° Rgt. "Trieste"

« Older   Newer »
Goliat01
view post Posted on 5/7/2007, 10:06




Ciao a tutti,
ho cercato un pò nel forum notizie a riguardo del 66° ma non ne ho trovate, qualcuno sà se è un rgt. operativo per Vfp4, e anche che utilità può avere un'unità del genere.

Grazie ciao
 
Top
vonMuzz
view post Posted on 5/7/2007, 10:30




Per il Vfp4, direi proprio di sì, anche se non sono sicuro (le info che ho sono ancora vecchie in "formato da VFB e da VSP", ma essendo il VFB in ferma solo per 3 anni, a rigor di logica il VFP4 dovrebbe poterci andare di sicuro).....l'utilità......praticamente, seguendo la teoria, mentre i paracadutisti sono una forza (in 3 reggimenti) che dovrebbe raggiungere la zona obbiettivo con un lancio (quindi da velivoli ad ala fissa dell'AMI) e a cui è assegnato un ruolo strategico di rottura del fronte agendo nelle dirette retrovie, il 66° dovrebbe svolgere più un ruolo di eliassalto, cioè più o meno quello di Cavalleria dell'Aria americana (We were soldier, per intenderci)....agiscono in stretto contatto con la parte "ad ala rotante" AVES, ipoteticamente in azioni tattiche (controinfiltrazione, dispiegamento rapido, etcetc nella dottrina da guerra fredda), e appunto per questo, al contrario della Folgore la loro brigata dispone in organico di due Rgt di elicotteri AVES......
Poi nella pratica tutta questa separazione tra i due non c'è, tanto che alcuni analisti propongono spesso di unire le due specialità Aeromobile/Paracadutista......
 
Top
Goliat01
view post Posted on 5/7/2007, 10:39




Già è vero, avevo sentito anche io della possibile "fusione" delle due specialità. Peccato che in giro non ci siano info più dettagliate, cmq sei stato molto esauriente grazie
 
PM  Top
levaobbligatoria
view post Posted on 5/7/2007, 18:50




..comunque mi sembra un azzardo il solo accostare il 66esimo con la brigata Folgore, non vi pare?
 
Top
vonMuzz
view post Posted on 5/7/2007, 22:33




Per senso comune, bisognerebbe dire di sì, perché c'è molta differenza sulle rispettive esperienze, capacità, anche fama/tradizioni (che non sembra, ma un certo peso l'hanno pure queste)....nella realtà delle cose però, visti i contesti di possibili interventi che si presentano sul breve-medio periodo e considerando che non c'è più la minaccia Russa, una unione delle due specialità non è poi così sconsigliata, sia in termini operativi che di costi/razionalizzazione...cioè, adesso come adesso la fanteria aeromobile (soprattutto in ausilio a già esistenti reparti parà) serve a poco......a maggior ragione se è presente con solo un battaglione operativo......tanto varrebbe accorparle, anzi forse sarebbe una mossa molto buona.....riassumerebbe in un unico assetto la capacità di intervento aereo strategico che l'eliassalto tattico (magari con reciproco scambio di capacità e consocenze), senza pregiudicare tuttavia l'utilizzo di ognuno dei reparto nelle operazioni peacekeeping......
 
PM  Top
levaobbligatoria
view post Posted on 6/7/2007, 17:08




Mi dite cosa hanno dimostrato, fino ad ora, quelli del 66esimo? mi sa tanto che fa figo vederli quando fanno le dimostrazioni davanti a qualche potente di turno. Spero di essere smentito...

grazie.
 
PM  Top
vonMuzz
view post Posted on 6/7/2007, 17:18




Non hanno grande notorietà, né grandi operazioni alle spalle....ma visto che occupano un brigata solo per loro e appunto non sono eliminabili come specialità, tanto varrebbe condensarli....tutto qua....per il resto sono al livello delle altre brigate di fanteria esistenti, nulla di meno......
 
PM  Top
levaobbligatoria
view post Posted on 6/7/2007, 17:25




Vonmuzz... sai che mi sembra? che siano come quei bigliettini da visita tanto carini da vedersi... ma alla fine.. servono a ben poco..
 
PM  Top
vonMuzz
view post Posted on 6/7/2007, 17:27




Non è colpa mia.....io ti dico solo che una "cavalleria dell'aria" non è sacrificabile...o dai alla Folgore quest'incarico e sciogli il 66°, oppure li amalgami assieme oppure stai così, con una brigata che esiste solo per loro.......
 
PM  Top
andrea1962002
view post Posted on 6/7/2007, 18:03




Intanto penso sia una grande cavolata mantenere un reparto di arma base con specialità elitrasportati, quando si potrebbero qualificare i reparti di fanteria paracadutista della Brigata Folgore.
Ci sono stato da poco al 66° e a loro dire visto che rischiano quando saltano da 2/3 metri da un elicottero anche loro a loro giudizio dovrebbero prendere l'indennità come noi che ci lanciamo da 400 metri con una discesa di 5 metri al secondo. Giusto il paragone no?
Poi siccome invidiosi si stanno cercando di far approvare il brevetto di aeromobile che purtroppo non posso postare ma è fatto con un elicottero al centro e sullo sfondo il simbolo della brigata Friuli.
Ultima cosa anche loro hanno un diminutivo dopi i Parà, i Marò sono arrivati gli Aerò, che banda di buffoni.

http://s3.gladiatus.it/game/c.php?uid=26366
http://www.paginedidifesa.it/2005/pdd_051038.html
 
Top
GarryOwen
view post Posted on 6/7/2007, 18:30




Il concetto di aeromobilità ha una valenza strategica primaria per lo sviluppo tecnologico e tattico negli eserciti moderni.E' alla base della strategia air assault statunitense fin dai tempi del Vietnam (i primi reparti schierati furono proprio i reparti di cavalleria dell'aria), e la Friuli costituisce il primo esempio concreto in Europa nonchè la punta di diamante del progetto europeo di forza di reazione rapida rischierabile con aeromobili. Secondo me - e non sono nessuno per dirlo- nell'aeromobilità è il futuro della gestione strategica dei conflitti, che soppianterà persino il concetto strategico di aerotrasportabilità e aviolanci, di fatto in disuso dai tempi della II GM o giù di lì.Concordo con andrea1962002 nel dire che si sarebbe dovuto magari riconvertire i reparti aviotrasportati.D'altra parte, consentimi, non credo che per questioni di tradizione (soprattutto) e organizzazione delle forze si sarebbe potuto realizzare un progetto simile.
Oggi in Afghanistan non è la Folgore a supportare il Nono e il COMSUBIN, ma il 66°.
 
Top
vonMuzz
view post Posted on 6/7/2007, 18:31




Quoto Garry.....

CITAZIONE (andrea1962002 @ 6/7/2007, 19:03)
Intanto penso sia una grande cavolata mantenere un reparto di arma base con specialità elitrasportati, quando si potrebbero qualificare i reparti di fanteria paracadutista della Brigata Folgore.
Ci sono stato da poco al 66° e a loro dire visto che rischiano quando saltano da 2/3 metri da un elicottero anche loro a loro giudizio dovrebbero prendere l'indennità come noi che ci lanciamo da 400 metri con una discesa di 5 metri al secondo. Giusto il paragone no?
Poi siccome invidiosi si stanno cercando di far approvare il brevetto di aeromobile che purtroppo non posso postare ma è fatto con un elicottero al centro e sullo sfondo il simbolo della brigata Friuli.
Ultima cosa anche loro hanno un diminutivo dopi i Parà, i Marò sono arrivati gli Aerò, che banda di buffoni.

Bhé, questo ragionamento è valido in buona parte, anche se non totalmente.....
Cioé, a me sembra di capire che la maggioranza dei folgorini non svolgano addestramento né sia previsto il loro utilizzo e stretto contatto con i reparti ad ala rotante.....mentre, così come esiste la fanteria meccanizzata, non è assurdo predisporne anche una elitrasportata (che abbiamo detto non è la Folgore, che viene vista come prettamente paracadutista).....
[Anche se forse è assurda una così netta divisione Paracadutisti/Elitrasportati.....]
Resta il fatto che, per cambiare le cose, o si allarga il bacino di competenze dei Parà (magari dando a uno dei tre Reggimenti una spiccata connotazione "ELI") o altrimenti una simile specialità va tutelata (anche con brevetti e indennità, perché no?..magari inferiori e diversi da quelli dei Parà) e forse anche potenziata, nel caso se ne dovesse fare uso.....
Certo è che la soluzione attuale non è né economica né razionalizzante al massimo....su questo non ci piove....
Infine, bisogna considerare che, attualmente, è molto più richiesta una capacità di intervento elitrasportato (magari supportato dai Mangusta, di cui appunto la Friuli dispone) rispetto alla disponibilità di 3 reggimenti paracadutisti che quasi certamente non avranno ami occasione di mostrare il loro potenziale strategico convenzionale (e per il quale sono originariamente nati)....e questo va a favore del 66°....
 
PM  Top
Goliat01
view post Posted on 6/7/2007, 19:16




CITAZIONE (GarryOwen @ 6/7/2007, 19:30)
Oggi in Afghanistan non è la Folgore a supportare il Nono e il COMSUBIN, ma il 66°.

scusamai non vorrei fraintendere, ma cosa intendi per supporto agli incursori? non penso che possano lavorare insieme
 
PM  Top
vonMuzz
view post Posted on 7/7/2007, 10:41




Infatti di solito i loro distaccamenti lavorano da soli, ma ci sono dei casi specifici...tipo..nel documentario del Tg1 di qualche anno fa, in una operazione di rastrellamento del 9° in Irak era anche menzionato un "plotone di supporto" non meglio definito....oppure, quando uscivano in pattuglia, vi erano dei gruppi d'intervento pronti a raggiungerli in caso d'attacco (questo vale anche per le pattuglie normali).....in questi casi, queste forze dovrebbero essere del 4° alpini, ma se il reparto non è disponibile è molto probabile che l'incarico passi al 66° (se presente), proprio (e soltanto) in virtù della sua capacità di elitrasporto (e quindi con tempi molto più rapidi rispetto a una forza terrestre)...
Dovrebbe essere questo quello che Garry intende come supporto....
 
PM  Top
andrea1962002
view post Posted on 7/7/2007, 10:59




Il fatto che in Afghanistan vada il 66° di Forlì non è per la preparazione, che da quello che ti posso dire è sicuramente inferiore a reparti della Brigata Paracadutisti, ma esclusivamente per immagine.
Ecco per esempio il motivo per cui se fai un giro per la caserma di Forlì tutti i mezzi sono nuovi, non alcuni ma tutti.
Un'altro bel vasetto per far vedere quanto è figo l'ultimo reparto che è stato creato e ricordo che molte volte non si trasformano reparti (tipo meccanizzati) in un altra specialità perchè ce n'è veramente bisogno, da quello che so per non far chiudere Forlì ci si sono messi di mezzo i politici.
Quindi come ha detto giustamente VonMuzz perchè specializzare un reparto e fare in modo che una brigata intera sia esclusivamente a supporto per il 66°?
Non sarebbe meglio fare in modo che la Brigata Folgore diventi una divisione e che i 3 reparti di fanteria paracadutista acquisiscano anche la capacità elitrasportati?
Perchè una cosa è certa se così si facesse i 3 reparti di paracadutisti potrebbero a turno fare gli elitrasportati, mentre il 66° non potrebbe mai fare quello che fanno i paracadutisti!
Ricordo poi che proprio la 101 divisione divenuta Air assault era nella II WW impiegata come divisione paracadutisti insieme all 82° divisione paracadutisti americani.
Quindi un primo passo è sato fatto proprio dagli Americani stessi e cmq fino a prova contraria l'aeromobilità tramite elicottero è una dottrina tattica non strategica proprio per la limitata distanza d'impiego rispetto all'aviolancio che può essere definita una dottrina strategica a maggior ragione che attualmente vengono utilizzati vettori aerei di grande capacità e che coprono grandi distanze.
Nessuno supporta il 9° o il GOI, sono assetti che non agiscono con altre forze, se proprio un supporto ci deve essere per la limitata presenza organica del personale FS, allora intervengono reparti più specializzati tipo 4° Alpini Paracadutisti (esempio cinturazione di un obiettivo).
Ribadisco il concetto che in Italia purtroppo vince la politica anche nelle scelte militari ecco quindi perchè parte un reparto piuttosto che un altro, i Generali sono molto legati ai vertici politici e influenzano negativamente o positivamente l'addestramento, i fondi o le missioni estere dei vari reparti.
Ecco per esempio perchè la Folgore si è trovata dopo lo scandalo Somalia ad effettuare missioni "light" (Bosnia, Kosovo) fino al 2003 anno in cui usciva grazie all'impegno del Gen. Bertolini per partecipare alla missione Endouring Freedom in Afghanistan, una volta sbloccata la cosa ecco che ripartiva per il 2005 alla volta dell'Iraq e adesso in Libano.
 
PM  Top
60 replies since 5/7/2007, 10:06